ZEPPELIN VENEZIA. WE KNOW HOW!    COPYRIGHT ZEPPELINVENEZIA, PHOTO by LAPENNA

PROMUOVIAMO IL RITORNO IN ITALIA DELLE AERONAVI DI NUOVA TECNOLOGIA CON IL SUPPORTO DELLA ZEPPELIN LUFTSCHIFFTECHNIK E DELLA DEUTSCHE ZEPPELIN REEDEREI. MEMBRI FONDATORI ANDREA FONDA, PRESIDENTE, HANS JOERG BRODA, SEGRETARIO, HANS PAUL STROELE, COMANDANTE DELLO ZEPPELIN NT. 



ZEPPELIN VENEZIA. DAL MARE AL CIELO
Di Andrea Fonda
Presidente associazione Zeppelin Venezia

Sembra lontano il legame tra il mondo dell’aviazione e la nautica ed, in effetti nel senso del tempo lo è. Se ci proiettiamo nella seconda metà del settecento, quando il mare era la principale via di comunicazione e trasporto, scopriamo che, in vari paesi europei si stavano sviluppando tecniche per solcare i cieli con le conoscenze derivate dalla nautica. Ecco una citazione tratta da un sito italiano di aerostatica, dove si ripercorre brevemente questo legame tra mare e cielo.

“….Nel 1670, il gesuita bresciano Francesco Lana capì che sarebbe stato possibile volare nell'atmosfera così come si galleggia sull'acqua sfruttando il principio di Archimede. Anche se la tecnologia di quel tempo non avrebbe permesso alla sua "nave aerea" di volare, a causa del peso superiore alla spinta ascensionale prodotta, egli è universalmente considerato il vero precursore teorico dei principi dell'aerostatica…..

….In Italia il primo volo umano in mongolfiera fu compiuto il 25 febbraio del 1784 a Brugherio, nei pressi di Milano, ad opera del conte Paolo Andreani insieme ai fratelli Carlo e Agostino Gerli….

….Tra il 1783 e il 1784 anche in Italia si susseguirono diversi lanci di aerostati come, per esempio, a Roma quello del duca Francesco Caetani, a Verona quello dell'astronomo e matematico Pietro Cossali, a Pavia quello del famoso architetto Luigi Cagnola, a Venezia quello del pallone fatto costruire da Francesco Pesaro, Procuratore di San Marco, ai fratelli Zanchi. Quest'ultima ascensione, risalente all'aprile 1784 e compiuta forse con la supervisione di Francesco Zambeccari, fu immortalata dal pittore Francesco Guardi (la tela si trova oggi a Berlino)….

….In quello stesso periodo, nel gennaio 1784, a Milano venne pubblicato il "Giornale Aerostatico", il primo periodico aeronautico del mondo, che nel primo numero scriveva: "Siamo già quasi giunti al sogno di varcar l'aria come le acque del mare"….”

In effetti, come si vede dall’immagine, le prime aeronavi non erano che delle imbarcazioni con dei grandi palloni di idrogeno fissati attorno all’albero maestro che consentivano l’ascensione, mentre l’impatto della discesa era attutito dall’acqua.
La vela permetteva di spostarsi in direzione del vento ma la manovrabilità era ancora molto limitata, se non assente, perché il timone ancora non era pensato per dirigere in aria e comunque sarebbe stato inefficace per le sue piccole dimensioni. Per quasi un secolo quindi l’aerostatica si limitava all’utilizzo di palloni, di varia forma e dimensioni per le sperimentazioni più disparate.
“…quando i veneziani vedono piovere i razzi incendiari sulla città assediata in quel lontano agosto del 1849 non si preoccupano eccessivamente, anzi rimangono quasi stupiti di vedere i palloni ad aria calda del maresciallo Radescki che hanno clamorosamente sbagliato bersaglio: è il primo bombardamento aereo della storia.
Passano gli anni, Venezia torna all’Italia, e ai primi del secolo scorso il Corpo degli Aerostieri, in seno agli specialisti del Genio, compiono con un pallone equipaggiato con macchine fotografiche il primo rilevamento aereo della città. Arriva in volo il primo dirigibile e il Regio incrociatore Elba entra in laguna con draken a bordo per effettuare un’altra serie di rilevamenti aerofotografici …..”(di Bruno Delisi)

La svolta avvenne con l’avvento del motore a scoppio, le cui empiriche applicazioni consentivano ai palloni di non essere in totale balia dei venti ma di avvalersi di una propria propulsione ed una manovrabilità gestita da un timone. Cambiò inevitabilmente la forma dell’involucro che per motivi aerodinamici divenne affusolata, anche per consentire al timone di essere posizionato, come per un’imbarcazione a poppavia. Il nuovo mezzo di trasporto si evolse rapidamente e la sua caratteristica di piattaforma aerea lo rendeva da subito interessante per osservazioni, appostamenti, fotografia aerea, dandone inevitabilmente un indirizzo di tipo militare, già nella guerra di Libia nel 1911 e nella grande guerra, lungo il fronte del Piave dai numerosi aerocampi si alzavano palloni Drachen Austroungarici e dalle basi di Campalto, Casarsa e Boscomantico operarono sul fronte dirigibili militari italiani.

Nel dopoguerra vengono costruiti nuovi aeroscali e per la prima volta si pensa al trasporto aereo passeggeri. Enrico Forlanini, i cui dirigibili furono impiegati nelle azioni belliche, il 22 giugno 1919 inaugurò il primo servizio passeggeri e postale tra Milano (Taliedo) e Venezia.
Negli anni Venti ricordiamo le missioni di esplorazione e “conquista” al Polo nord di Umberto Nobile con il Norge e poi successivamente la missione sfortunata dell’Italia, che con il naufragio sul Pack pose fine all’era pionieristica dei dirigibili italiani.

Ma era la Germania che continuò la produzione dei dirigibili Zeppelin e con Hugo Eckener, successore al timone del conte Ferdinand von Zeppelin, morto nel 1917, si ebbe la costruzione delle mastodontiche navi dell’aria LZ127 Graf Zeppelin, 236 m, ed infine, per volere del regime nazista l’LZ 129 Hindenburg, lungo ben 256 metri, 7 m più corto del Titanic, la cui fine è ben nota grazie ai cinegiornali dell’epoca. Il Graf Zeppelin percorse in nove anni di operatività ben 1.7 milioni di km, compiendo un giro del mondo nel 1929 e ben 64 traversate per il sud America.

RINASCITA DEI DIRIGIBILI SEMIRIGIDI ZEPPELIN
Friedrichshafen, Lago di Costanza, Germania.
L’azienda storica Zeppelin, oggi multinazionale, capitanata dalla Fondazione Zeppelin 1909, grazie all’abilità raggiunta nell’ingegneria e nella produzione di organi di trasmissione per mezzi Aerei, Navali e Terrestri di cui è leader mondiale (ZF Group AG), decide di ritornare alle origini e progettare nuove aeronavi tecnologicamente avanzate. Per tali scopi vengono fondate la Zeppelin Luftshifftechnik Gmbh &Co KG (ZLT), ovvero il cantiere aeronavale, e la Deutsche Zeppelin Reederei GmbH (DZR), l’armatore, cosi come per l’Hindenburg negli anni 30, delle Aeronavi Zeppelin NT. Ecco lo sviluppo del progetto: 1990 si decide di progettare un nuovo dirigibile semirigido;1994 modello dello Zeppelin NT (New Technology); 1997 primo volo del prototipo Zeppelin NT n°1; 2000 costruzione Zeppelin NT n° 2; 2001 Certificazione europea; 2004 costruzione Zeppelin NT n°3 Tokyo; 2008 costruzione Zeppelin NT n°4 San Francisco
Ad oggi hanno volato nello Zeppelin di base in Germania oltre 100.000 persone, con voli del costo medio di 400€ a persona e durata di un’ora.


RITORNO A VENEZIA - il progetto
Dopo un’attenta analisi la DZR individua al mondo una decina di città dove nuove società operatrici potranno gestire uno Zeppelin. La bellezza della città e del territorio, la ricchezza della regione, il notevole afflusso turistico, fanno si che Venezia sia il luogo adatto alle operazioni con l’aeronave. Nel 2007 l’Ufficio di Rappresentanza DZR ha preso sede a Venezia. L’obbiettivo è individuare portatori di interessi e catalizzare investitori. Un’analisi di fattibilità ha evidenziato le opportunità per l’Aeroporto Nicelli del Lido come base operativa, nonché per Comune, Provincia e Regione per sviluppare una nuova attrazione, ecologica, sostenibile e di richiamo internazionale. Opportunità per le imprese del territorio per viaggi incentive ed ampia visibilità in occasione di Fiere, manifestazioni ed eventi. Notevoli risvolti per le applicazioni scientifiche e di monitoraggio del territorio. Un’opportunità anche per la Città di Jesolo che si rende disponibile ad ospitare lo Zeppelin NT in un possibile futuro parco tematico con hangar, ristorante, museo dei dirigibili e punto di partenza per le crociere sulla laguna. La città litoranea dista solo pochi minuti di volo da Venezia ed ospita ogni anno molti turisti tedeschi che gradirebbero volare sui cieli della laguna con il loro nuovo dirigibile. A sud Chioggia permetterebbe la flessibilità del sorvolo del Polesine. Verona potrebbe offrire crociere sul Garda, Vicenza i Colli, le ville del Palladio. Le colline della marca trevigiana e il Grappa per tornare alla grande guerra.
Pensando a lungo termine ad un’aeronave stazionata sulla laguna veneta l’operatore tedesco DZR è disposto a trasmettere il know-how tecnico-operativo e formare in laguna con partner forti e grandi sponsor una nuova società che commissioni al cantiere della ZLT uno Zeppelin NT per l’Italia.


CROCIERA ZEPPELIN VENEZIA 2010
Un evento storico e dimostrativo porterà lo Zeppelin NT a volare per la prima volta su Venezia
in occasione della 67° Mostra del Cinema, l’arrivo è previsto per il 1 settembre 2010. Si prevede una settimana operativa dall’Aeroporto Nicelli del Lido ed un migliaio di biglietti disponibili. L’Enac di Roma ha dato il primo via libera per le operazioni di volo sulla laguna. La quota di volo sarà 300 metri dai quali a volo di uccello si potrà osservare la città di Venezia, Murano, l’isola della Giudecca, San Servolo, Sant’Erasmo e il Lido. Sono possibili eventi aziendali e il charter dello Zeppelin (12 posti) è possibile come per un’imbarcazione. Lo Zeppelin si presta molto a campagne pubblicitarie e c’è stato interessamento da parte di alcuni sponsor. L’evento sarà organizzato in collaborazione con i partner locali, tra cui l’Agenzia di Eventi della città di Venezia, già organizzatrice di Carnevale, Redentore, Regata Storica e Capodanno. che ha espresso grande interesse per il nuovo “evento” veneziano costituito dal ritorno delle Zepellin proprio in concomitanza con la Regata Storica 2010.
Normalmente in Germania la disponibilità posti per l’intera stagione estiva si esaurisce a gennaio con oltre 14.000 prenotazioni. Data la grande richiesta e i pochi posti a disposizione è consigliato prenotare il volo già da quest’anno. Sara’ possibile anche regalare un biglietto, a parenti ed amici in occasione delle Festività natalizie. La prenotazione va eseguita previo contatto telefonico o nelle agenzie autorizzate. Tutti i dati su www.zeppelinvenezia.com.

ASSOCIAZIONE ZEPPELIN VENEZIA

L’Associazione ha come finalità lo sviluppo di un turismo innovativo, ecologico e sostenibile tramite le Aeronavi. L’Associazione organizza eventi per ricordare la storia, conoscere il passato, vivere il presente promuovendo il ritorno dello Zeppelin. DZR renderà disponibili alcuni biglietti della Crociera Zeppelin Venezia 2010 per i soci ad una quota agevolata. Info www.zeppelinvenezia.com.

Visualizzazioni: 99

Commento

Devi essere membro di associazione ZEPPELIN VENEZIA per aggiungere commenti!

Partecipa a associazione ZEPPELIN VENEZIA

KEEP IN TOUCH!

 

     office@zeppelinvenezia.com

 

 

       Bookmark and Share

 

        ZEPPELIN

           

© 2017   Creato da ZeppelinVenezia.   Tecnologia

Segnala un problema  |  Termini del servizio